chi siamo

Art is a biz nasce nel 2016 dalla costola di Circoloquadro arte contemporanea, spazio milanese che si occupa di favorire l’arte contemporanea emergente in Italia grazie a una costante ricerca di giovani talenti e a un’offerta formativa a loro dedicata.

Circoloquadro è una realtà artistica che dal 2010 ha realizzato più di trenta mostre e diversi progetti speciali, attivando collaborazioni con numerose realtà culturali.

Art is a biz è il pezzo che mancava.
Collega arte, aziende e comunicazione: un progetto sostenuto da Fondazione Cariplo nell’ambito del bando iC – innovazioneCulturale per lo sviluppo delle imprese culturali e creative con un progetto che coinvolge e avvicina all’arte nuovi pubblici e nuovi mercati puntando su un approccio innovativo.

Come siamo nati: il progetto pilota

Nel 2015 in occasione del suo sessantesimo anniversario, Cafro, azienda metalmeccanica di Fino Mornasco (CO) ci ha chiesto di realizzare un evento. Abbiamo selezionato insieme a una curatrice chiamata per l’occasione, sei artisti che sono stati invitati a tradurre la storia e i valori aziendali in opere d’arte.
Il risultato è stato un successo in termini di comunicazione, grazie alla pubblicazione su riviste e quotidiani nazionali, in termini di marketing esterno, poiché ha favorito il consolidamento dei rapporti con clienti e fornitori, l’innalzamento della reputazione anche al di fuori del settore di riferimento, e in termini di marketing interno, grazie alla partecipazione dei dipendenti che sono stati coinvolti nel processo creativo.
Sono state esposte e presentate opere diverse ma omogenee da un punto di vista comunicativo: ora queste sono parte integrante della collezione permanente di Cafro a disposizione di chi vive l’azienda ogni giorno.

Cosa ci impegniamo a fare tutti i giorni e dove vogliamo arrivare

Oggi noi di Art is a biz ideiamo, creiamo e sviluppiamo progetti speciali e personalizzati basati sull’utilizzo dell’arte contemporanea per le aziende che vogliono raccontarsi oltre ogni altro mezzo di comunicazione tradizionale.

Cosa vediamo nel futuro?

Qualcosa che è già realtà e che vogliamo continuare a sviluppare: contagiare il mercato di bellezza grazie all’uso dell’arte contemporanea in contesti non usuali, un’arte che diventa l’interlocutore privilegiato di tutte quelle aziende che desiderano comunicare e comunicarsi in modo innovativo e non convenzionale.